Carceri

24/02/2017


INGIUSTA DETENZIONE: IL CASO ANGELO MASSARO.



20 ANNI DI CARCERE PER POI ESSERE ASSOLTO PER NON AVER COMMESSO IL FATTO

carcere

INGIUSTA DETENZIONE: IL CASO ANGELO MASSARO.

" />


L’ennesima vita distrutta da una detenzione ingiusta è stata quella di Angelo Massaro condannato a 30 anni di reclusione per omicidio. Grazie al processo di revisione adesso il Sig. Massaro è stato finalmente assolto per non aver commesso il fatto poiché il suo difensore è riuscito a dimostrare che l'uomo si trovava in una località diversa da quella in cui scomparve la vittima dell’omicidio.



Massaro, arrestato il 15 maggio 1996, è stato in carcere a Foggia, Carinola (Caserta), Taranto, Melfi e Catanzaro. Negli oltre 20 anni di reclusione è stato spesso lontano dalla residenza di famiglia e quindi dalla moglie e dai due figli. Dal carcere Massaro ha scritto lettere di sensibilizzazione al blog “urladalsilenzio”, al ministero della Giustizia, al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, all’associazione “Antigone” e all’associazione “Bambini senza sbarre”



Adesso la vittima di questo grave errore giudiziario potrà ottenere dalla Stato un risarcimento che mai potrà restituirgli tanti anni di restrizioni, privazioni e di lontananza dalla moglie e dai suoi figli.



Purtroppo in Italia i casi come quello appena descritto raggiungono cifre impressionanti.



Sono infatti stimate in cinquantamila le persone che hanno subito una ingiusta detenzione, per un totale di circa 600 milioni di euro di risarcimenti versati alle vittime dallo Stato.



Non tutti coloro che hanno subito una ingiusta detenzione decidono però di richiedere il risarcimento a causa delle spese ulteriori che devono affrontare per la richiesta allo Stato e per la difficoltà successiva ad ottenere le somme risarcitorie riconosciute.



Gestione Crediti Pubblici attraverso la propria competenza maturata nelle cause risarcitorie contro le Pubbliche Amministrazioni offre assistenza alle persone vittime di errori giudiziari senza chiedere alcun anticipo e garantendo massima celerità per l’ottenimento delle somme riconosciute



Contattaci per una consulenza gratuita