Operaio della Michelin morì per un tumore ai polmoni, il pm chiede sei mesi di reclusione per i due direttori dello stabilimento

Operaio della Michelin morì per un tumore ai polmoni, il pm chiede sei mesi di reclusione per i due direttori dello stabilimento

L’operaio manutentore L.D., in fabbrica dal 1969, ammalatosi nel 2003, nel 2004 a causa di un tumore al polmone. Secondo l’ipotesi della Procura, la malattia sarebbe stata diretta conseguenza dell’esposizione prolungata all’amianto nel reparto “8” dello stabilimento Michelin dove, secondo l’accusa, fino agli anni novanta non ci sarebbero stati efficaci mezzi di prevenzione per annullare quel tipo di rischio.

Per G.B. 92 anni e R.M., 73 anni, direttori dello stabilimento Michelin dal 1969 al 2004, imputati per omicidio colposo, il pm ha richiesto sei mesi di reclusione. Secondo l’ ipotesi della procura, infatti, gli imputati non avrebbero adottato le misure necessarie per far sì che gli operai del reparto 8 della fabbrica Michelin di Cuneo non respirassero i fumi contenenti ammine aromatiche derivanti dalla lavorazione della gomma. Parte fondamentale del processo sono le testimonianze degli ex colleghi del reparto, nessuno avevaspiegato cosa fosse quel fumo che si sprigionava dalle presse. Gli impianti di aspirazione potevano essere rotti o non funzionare correttamente, cosicché eravamo costretti a respirare i fumi. Li respiravamo tutti, senza dispositivi di protezione, e sapevamo che le macchine, sulle quali intervenivano, erano rivestite di amianto, ma non ci era stato detto che facesse male”.

Contattaci o scrivici ( info@gestionecreditipubblici.it ) per avere una consulenza gratuita e personalizzata in relazione al tuo caso specifico.

Lo staff di Gestione Crediti Pubblici

 

2019-03-03T20:47:32+01:003 Marzo 2019|Danni per esposizione all'amianto, News|