SI PUO’ SEMPRE IMPUGNARE LA CARTELLA ESATTORIALE ANCHE SE IL PAGAMENTO E’ STATO RATEIZZATO

SI PUO’ SEMPRE IMPUGNARE LA CARTELLA ESATTORIALE ANCHE SE IL PAGAMENTO E’ STATO RATEIZZATO

L’ordinanza del 1 ottobre 2020 n. 20962 della Corte di Cassazione chiarisce il fondamentale concetto che il contribuente che decide di rateizzare il pagamento di cartella esattoriale può sempre procedere ad impugnazione della stessa.

La fattispecie era relativa ad una cartella esattoriale del 2011 per Irap, impugnata dalla società che nel frattempo aveva comunque provveduto a pagarla in più rate.

Entrambe le Commissioni Tributarie di primo e secondo grado avevano ritenuto cessata la materia del contendere per incompatibilità della rateizzazione del pagamento con l‘impugnazione.

La Corte di Cassazione ha invece ribaltato l’esito del giudizio ritenendo che “il principio della inidoneità del pagamento non spontaneo (bensì coatto) a provocare la cessazione della materia del contendere è, del resto, speculare al principio, anch’esso affermato da questa Corte, della sussistenza dell’interesse dell’Ufficio alla controversia in caso di sgravio di una cartella di pagamento in seguito a una sentenza favorevole al contribuente, in quanto trattasi di comportamento che può fondarsi anche sulla mera volontà di evitare le eventuali ulteriori spese del procedimento espropriativo”.

2020-10-23T11:42:53+02:0013 Ottobre 2020|News|